#
#

"LA MUSICA DEI NUOVI VOLTI" punto e a capo

Un anno fa, la voce potente e pungente di Mario si unisce agli altri competenti del gruppo che già suonano insieme da tempo. E’ subito intesa. Tutti viaggiano sulla stessa frequenza d'onda.

Tra le note melodiche di Battisti ,si liberano fantasiosi i vibranti assoli della chitarra solista di Daniele,nel rock prorompente di Vasco Rossi esplode l'energia della batteria di Roberto, Claudio con la sua chitarra è protagonista della dolce e tenebrosa "Impressioni di settembre", Andrea con la sua tastiera riveste il palco di curati effetti nella simpatica "hanno ucciso l'uomo ragno" degli 883,Nino esprime profondità con il suono del suo basso, Mario è affascinato da"un'avventura"di Battisti, Luciana esprime la sensualità femminile e accattivante del gruppo con la graffiante "la luna bussò". Eccoli "I nuovi volti". Chi sono? Forse una cover band di artisti contemporanei? Invece no! Mi trovo di fronte ad un gruppo che allieta il pubblico con la mitica musica degli anni 60 fino ad arrivare ai 90 wow! Ho pensato:mi devo fermare ad ascoltarli, sono curiosa.Ma perchè questo nome? Un taglio netto con il passato? Un punto e accapo? Si! Sono loro,quelli che hanno raggiunto l’intesa perfetta, motivati tutti dallo stesso obbiettivo, quello di un gruppo di amici che suonano insieme per divertirsi e far divertire chi li ascolta.

Questa definizione ci fa un po’ sognare e ci riporta a quelli che sono i valori dell’amicizia e dello stare insieme condividendo la stessa passione.La loro icona molto particolare è l’immagine di una maschera scura che ricorda la zucca di hallowen con il fuoco che brucia dentro.Terrificante? Direi simpatica ma profonda. E’ il simbolo della passione per la musica che brucia dentro di loro.Il fuoco che brucia è il calore che scalda l’anima e la forza di portare avanti il proprio obbiettivo. La maschera è il nuovo volto, il cambiamento. "Si può essere tutto ciò che si vuole .Basta trasformarsi in tutto ciò che si pensa di poter essere". F.Mercury

Stay tuned... Sabrina BONAVENTURI

Febbraio 2017